Campagna informativa sui certificati di malattia – precisazioni

di  il 10 gennaio 2018

Al fine di garantire modalità uniformi e corrette degli adempimenti dei medici certificatori e dei lavoratori assenti dal lavoro per malattia, nell’ambito di una campagna informativa estesa sull’intero territorio nazionale, l’INPS ha realizzato in luglio 2017 un sintetico documento divulgativo.  La locandina e il pieghevoli (vedi link sotto per visualizzare o scaricare), differenti solo nel formato grafico ma di identico contenuto, sono stati elaborati nell’ottica di fornire uno strumento di facile lettura privilegiando quindi la sinteticità del testo; i vertici INPS dunque si sono soffermati sulle regole principali che medici e lavoratori devono osservare.

L’Ordine richiese di modificare il testo per far considerare alla voce MEDICO CURANTE la più ampia platea di medici e odontoiatri che hanno la titolarità ad emettere la certificazione telematica di malattia, esprimendosi come segue:

——————————————————————————————————————————————–

Ravenna, Prot. n. _1886/B_ del _20.07.2017_  Alla cortese attenzione della Direttrice INPS della sede di Ravenna Dr.ssa Danila Casanova

Gentilissima, in riferimento alla nota pervenuta dalla Direzione regionale INPS relativa alla campagna informativa sui certificati di malattia, si fa presente che nei  documenti divulgativi è necessario precisare  meglio il concetto di  “medico curante” citato sia nella locandina che nel pieghevole in questione. Come noto infatti, sono medici certificatori anche i medici dipendenti ospedalieri, i medici di pronto soccorso in sede di dimissione del paziente dalla struttura ospedaliera, i medici in servizio della continuità assistenziale (Guardia medica).

Richiedo a lei come referente locale  di prendere in considerazione la modifica di tali documenti in tal senso:

 “In caso di malattia, vale a dire di un’infermità che determini incapacità temporanea al tuo specifico lavoro, è il medico curante ad attestare le tue condizioni e a trasmettere all’Inps il certificato di malattia telematico. Per medico curante si intende, per la normativa vigente,  il medico di famiglia, il medico ospedaliero o del pronto soccorso in sede di dimissione, il medico di continuità assistenziale – guardia medica. Anche il medico libero professionista (anche odontoiatra, specificatamente per la sua branca), cui puoi rivolgerti nei casi previsti dalla legge o dal tuo contratto di lavoro, può rilasciare il certificato di malattia telematico. Tutte queste figure dispongono delle credenziali di accesso al servizio.” 

Non avendo a tutt’oggi ricevuto risposta, pubblichiamo il testo del volantino informativo invitando gli iscritti che vogliano affiggerlo nella sala d’aspetto dei propri studi di tenere conto comunque anche delle precisazioni dell’Ordine ai fini di una corretta informazione ai propri pazienti.

Locandina certificato telematico FINALE 2017.06

Pieghevole certificato telematico FINALE 2017.06

 

 

ALTRI ARTICOLI
neonato

Il Manifesto sui Punti Nascita

featured image

Progetto Ematologia – Romagna

logo inps

Indennità di malattia – Permanenza dei pazienti presso il Pronto soccorso – Nuovo mes...

save-the-date-sticky-note

Incontro sulla responsabilità dell’uomo davanti alla vita

Ministero della Salute-Eur-Rm-scritta-web

Bambini da 0 a 6 anni: escluso l’obbligo di certificazione per sport

Ausl Romagna

13 APRILE: Scadenza Graduatorie incarichi Medicina generale tempo determinato

Ausl Romagna

3 APRILE: Scadenza graduatorie aziendali guardia turistica stagione 2018

come-scrivere-una-lettera-di-presentazione-professionale_0dbec05b2518af6b9fe52bbf5462215c

Validità temporale di richieste di esami e visite specialistiche nelle cronicità

save-the-date-sticky-note

Meetings Ematologia – due date da ricordare

save-the-date-sticky-note

Convegno sull’obesità