Pubblicità sanitaria: Consiglio di Stato conferma stop per 6 mesi per mancanza di indicazione del direttore sanitario

di  il 11 giugno 2018

Una battaglia lunga, faticosa, ma finalmente arrivata alla fine! Ai cittadini riconosciuto il diritto di sapere chi è il direttore sanitario della struttura che eroga servizi medici o odontoiatrici che sta facendo pubblicità di se stessa.

Il Consiglio di Stato, con la sentenza numero 08091/2017, ha ritenuto che l’intervento del legislatore (cd legge Bersani del 2006) sia diretto espressamente alla rimozione dei divieti di pubblicità per professioni e non alla rimozione di ogni procedimentalizzazione e controllo nell’esercizio della pubblicità.

I Giudici nello specifico hanno confermato che l’art.2 della legge 4 agosto 2006 n.248 attribuisce agli Ordini la verifica della trasparenza e veridicità del messaggio e quindi l’indicazione del nominativo del direttore sanitario non può essere mancante in quanto di fatto viola il principio della trasparenza rendendo impossibile per i cittadini ricondurre l’informazione pubblicitaria ad un legittimo esercente della professione odontoiatrica, quale garante della sicurezza delle cure erogate nella struttura complessa.

In buon sostanza la sentenza evidenzia come sia gravemente scorretto e sanzionabile dall’Ordine il messaggio pubblicitario riferito ad una struttura complessa che non contenga il nominativo del direttore sanitario.

Sentenza Consiglio di Stato

ALTRI ARTICOLI
Locandina_Parole_che_curano_2019

Parole che curano – Il farmaco della comunicazione – Convegno del 25 maggio

logo_inail

Certificati INAIL: precisazioni dopo la legge di Bilancio 2019

enpam-logo-payoff

Convegno ENPAM 2019 – Gli atti del convegno

picture002

I contributi scientifici degli iscritti: OBBLIGO DI TESTIMONIANZA di S. Falcinelli

abf06ac806c7e27e7c4fbf4abefa57b7

Privacy – I Chiarimenti del Garante in ambito sanitario