Sentenza del Tribunale di Cosenza ribadisce la vigenza della legge 175/1992 sulla pubblicità sanitaria

di  il 23 ottobre 2017

Pubblichiamo la circolare firmata dal Presidente CAO Nazionale Dr. Giuseppe Renzo che trasmette la sentenza n. 700/2017 del Tribunale di Cosenza che ha dichiarato responsabili del reato previsto dall’art. 9 della legge 175/1992 alcuni soggetti che non erano iscritti all’Albo, pur essendo titolari di un centro odontoiatrico.

La comunicazione inoltre prende spunto da tale decisione per sottolineare la validità del comma 5 dell’art. 5 della stessa legge 175/1992 che recita : ” Qualora l’annuncio pubblicitario contenga indicazioni false sulle attività o prestazioni o non contenga l’indicazione del direttore sanitario, l’autorizzazione amministrativa all’esercizio dell’attività sanitaria è sospesa per un periodo da sei mesi ad un anno”

SENTENZA TRIBUNALE COSENZA_Prot. 11772_09-10-2017

 

ALTRI ARTICOLI
diritto-alla-salute

La tutela del cittadino da parte dell’Ordine

logo inps

INPS – Richiesta disponibilità medici per incarico temporaneo visite fiscali – scaden...

ECM

PROMEMORIA CREDITI ECM – Spostamento e recupero dei crediti per il triennio 2014-2016

1076059_Valsartan

VALSARTAN – Ritiro lotti di farmaci potenzialmente pericolosi

abf06ac806c7e27e7c4fbf4abefa57b7

GDPR – Regolamento UE Privacy – Sintesi e modulistica per i medici e gli odontoiatri

Regione Emilia-Romagna logo

Scade il 23 luglio il Concorso per accesso al Corso di Formazione MMG 2018-2021

magnificat

Gli atti del convegno del 9 giugno 2018 sulle DAT e consenso informato

picture002

Pubblicità sanitaria: Consiglio di Stato conferma stop per 6 mesi per mancanza di indicazione del...

festival-kKa-U43480793871872C-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443

Ritmi circadiani, moscerini della frutta e il finanziamento pubblico alla ricerca di base

save-the-date-sticky-note

Convegno sulla responsabilità medica

RAVENNA_manifesti CORRETTI

Campagna antibufale sulla salute