Sentenza del Tribunale di Cosenza ribadisce la vigenza della legge 175/1992 sulla pubblicità sanitaria

di  il 23 ottobre 2017

Pubblichiamo la circolare firmata dal Presidente CAO Nazionale Dr. Giuseppe Renzo che trasmette la sentenza n. 700/2017 del Tribunale di Cosenza che ha dichiarato responsabili del reato previsto dall’art. 9 della legge 175/1992 alcuni soggetti che non erano iscritti all’Albo, pur essendo titolari di un centro odontoiatrico.

La comunicazione inoltre prende spunto da tale decisione per sottolineare la validità del comma 5 dell’art. 5 della stessa legge 175/1992 che recita : ” Qualora l’annuncio pubblicitario contenga indicazioni false sulle attività o prestazioni o non contenga l’indicazione del direttore sanitario, l’autorizzazione amministrativa all’esercizio dell’attività sanitaria è sospesa per un periodo da sei mesi ad un anno”

SENTENZA TRIBUNALE COSENZA_Prot. 11772_09-10-2017

 

ALTRI ARTICOLI
tatuaggi

I contributi scientifici degli iscritti: TATUAGGI E SALUTE di G. Fiorentini

save-the-date-sticky-note

Primo annuncio eventi formativi 2019

gazzetta_ufficiale2

Legge di Bilancio 2019: le novità per la professione medica e odontoiatrica

Corso rosso

Sospensione del login e delle registrazioni al sito WEB

Ausl Romagna

Graduatorie SPECIALISTI on line: scadenza 31 gennaio 2019